Fronte Italiano

idrovolante italiano
0

Scontri aerei nell’Alto Adriatico

Comunicato dell’Ufficio del Capo di Stato Maggiore della Marina italiana del 20 maggio: nostri idrovolanti in esplorazione nell’Alto Adriatico sostennero uno strenuo combattimento con numerosi velivoli nemici a circa 15 miglia a ponente di Pola. Un apparecchio nemico venne abbattuto ed un nostro fu costretto a scendere in mare perché colpito. Per evitare la cattura fu…

0

Bollettino del 21 maggio 1918

Nella notte sul 20 una compagnia di assalto nemica che tentava un colpo di mano nella regione di Sotto Castello (sud-est di Mori), venne respinta col fuoco. Un altro attacco, ripetuto due volte, sulle pendici meridionali del Sasso Rosso, diede luogo a vivaci combattimenti locali, in seguito ai quali l’avversario, sconfitto, dovè rientrare nelle proprie…

0

La Mitragliatrice Fiat-Revelli Mod. 1914

Il progetto della Fiat-Revelli nacque da uno studio del 1910 di Abiel Revelli deciso a migliorare l’allora in uso Perino Mod.1908 divenuta ormai obsoleta. Il prototipo fu presentato al bando indetto dal Regio Esercito ma ad essa fu preferita la mitragliatrice inglese Maxim. Lo Stato Maggiore italiano volle ritentare nuovamente l’arma nel 1913 ma anche…

0

Comunicato inglese sulle operazioni in Italia

Comunicato inglese circa le operazioni aeree nel settore italiano del 18 maggio: Dopo la cattura del Monte corno da parte degli italiani con un brillante attacco ed il mantenimento di esso contro tre decisi contrattacchi del nemico, nessun avvenimento importante avuto luogo su questo fronte. Scontri di pattuglie e discussioni sui composti austriaci abbiamo fatto…

0

Bollettino del 20 maggio 1918

Attività di nostre pattuglie nella regione di Monte Mantello (Corno dei Tre Signori) e di nuclei esploranti nemici, prontamente ricacciati, fra Adige ed Astico. Sparse azioni di molestia delle opposte artiglierie: i concentramenti di fuoco delle nostre furono particolarmente efficaci in Val di Sole e nella regione ad oriente del Lisser. A Capo Sile, verso…

0

Bollettino del 19 maggio 1918

Lungo la fronte montana l’attività combattiva locale è stata ieri considerevole: sulle pendici sud-orientali del Monte Mantello (nord del Corno dei Tre Signori) un tentativo di attacco nemico venne nettamente arrestato col fuoco. Nella regione dell’Adamello nemico sostenuto dal nutrito fuoco d’artiglieria, attacco in forze un nostro posto avanzato a sud di Monte Stablel. I…

0

Il Carro Armato Fiat 2000 Mod. 17

Il primo carro armato in servizio presso il Regio Esercito Italiani è il Fiat 2000 Mod. 17. Un veicolo rivoluzionario rispetto ai suoi simili (ha la torretta completamente girevole ed il vano motore separato dall’abitacolo) ed è anche il più pesante con le sue 40 tonnellate di peso. La Fiat iniziò nel 1916 a studiare…

0

Accordo con la Germania per lo scambio di prigionieri

L’incontro fra i delegati italiani e tedeschi cominciata a Berna lo scorso 2 maggio a avuto come scopo le trattative relative ai prigionieri di guerra. La conferenza si è conclusa dopo 13 giorni sotto la guida del Presidente della Confederazione Elvetica. Il risultato dei lavori è stato giudicato soddisfacente, avendo raggiunto in particolare un accordo…

0

Bollettino del 18 giugno 1918

In Vallarsa, nelle prime ore di ieri, il nemico tentò invano per la terza volta di riprendere il Monte Corno, conquistato dai nostri la notte sul 10 corrente. Due colonne nemiche di mitragliatrici e di lanciafiamme, fortemente appoggiate dall’artiglieria, attaccarono le nostre posizioni: prese sotto un efficace tiro di sbarramento e battute da raffiche di…

0

La bomba a mano S.I.P.E.

Entrata in servizio nel 1915, la bomba amano tipo SIPE è la principale bomba a mano difensiva a frammentazione in uso presso il Regio Esercito Italiano e prodotta dalla Società Italiana Prodotti Esplodenti. Il corpo della bomba è di forma ovale, realizzato in ghisa con la procedura della fusione in conchiglia, pesa circa 530g, ha…

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com