Lenin

Sanguinosi scontri all’apertura della Costituente a Pietrogrado

Sverdeloff, presidente del Comitato Centrale di tutti Soviet, ha aperto alle 4 del pomeriggio la seduta dell’Assemblea Costituente. Quattro ore prima un gruppo di massimalisti aveva assalito un corteo composto dalla Società per la difesa della Costituente strappando e lacerando le bandiere. Il primo ordine di sparare in aria fu eseguito dal fuoco delle mitragliatrici. Vi sono parecchi morti tra cui Logrinoff, membro del Comitato Wsecutivo dei Delegati dei contadini. Vi sono pure molti feriti tra cui parecchie donne.
La Commissione straordinaria della difesa di Pietrogrado in un appello alla popolazione dichiara che, in presenza della coalizione di gruppi controrivoluzionari, la città è posta in stato d’assedio: tutte le manifestazioni sono vietate, tutti i tentativi di avvicinarsi al palazzo della Tauride e all’Istituto Smolny (sede del Governo) saranno repressi con le armi. Gli uffici del giornale “Don” sono stati chiusi ed il redattore capo è stato arrestato. I giornali di Pietrogrado annunciano che, nel tentativo di evitare un conflitto, il Consiglio dei Commissari sarebbe deciso a non tener conto dei membri iscrittisi presso i commissari del palazzo della Tauride per decidere se aprire o no la sessione della costituente.
Parecchi mitragliatrici sono state collocate a difesa del palazzo della Tauride.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com