Douglas Haig

Inglesi vicini ad Arras

Un comunicato del maresciallo Haig riferisce:

Durante la notte, in vicinanza di Saint-Quentin, guadagnammo terreno in numerosi punti tra i villaggi di Seleny e di Jeancourt e raggiungemmo le vicinanze di Arras e il settore di Ypres. Durante la notte e nelle giornate del 5 e 6 aprile nostri velivoli spiegarono grande attività attaccando continuamente le comunicazioni tedesche molto lungi sulle retrovie e spinendosi alla ricerca di apparecchi da combattimento nemici fino a considerevole distanza, oltre le linee tedesche.

Gli aviatori fotografarono una grande estensione di territorio nemico molte miglia dietro le linee tedesche e riportarono più di 1700 clichès. Essi cooperarono continuamente con l’artilieria quando il tempo era chiaro, senza essere disturbati altro che dalle vicende atmosferiche. Nonostante i reiterati tentativi dei tedeschi per intralciare le loro importanti operazioni i nostri aviatori eseguirono con successo 17 raids, durante i quali lanciarono bombe su aerodromi, depositi di munizioni e ferrovie molto lungi dietro le linee tedesche, senza contare numerosi altri raids meno importanti.

Essi lanciarono in tutto più di 8 tonnellate di bombe, sostenendo durante tutto questo tempo vivi combattimenti con forti squadriglie avversarie. Ventotto dei nostri aeroplani mancano, e di questi sappiamo che gran numero sono stati abbattuti durante i combattimenti al di sopra del territorio nemico. Sappiamo però che anche gli aviatori tedeschi hanno subito forti perdite. In un caso si scorse un osservatore che cadeva dal suo aeroplano, il quale essendo avariato, discese volteggiando. In un altro caso il combattimento avvenne a così breve distanza che si vide il pilota tedesco cadere in avanti, mentre il suo aeroplano, essendo rimasto senza direzione, precipitava. Quindici aeroplani tedeschi sono stati veduti schiacciarsi, mentre altri 31 sono stati obbligati a prendere terra con danni. Un grande numero di questi ultimi è stato certamente distrutto, inoltre due palloni tedeschi sono stati abbattuti in fiamme.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com