Il testo del trattato di pace di Brest-Litowski

Di seguito vi riportiamo il contenuto del trattato di pace siglato a Brest-Litowski tra la Russia e gli Imperi Centrali.

  1. La Germania, l’Austria-Ungheria, La Bulgaria e la Turchia da una parte, e la Russia dall’altra dichiarano che lo stato di guerra tra di esse è finito e che esse sono decise a vivere d’ora in poi in pace ed amicizia.
  2. Le parti contraenti abbandoneranno qualsiasi agitazione o propaganda contro il Governo e le Istituzioni statali e militari dell’altra parte. Questo impegno vale, per quanto riguarda la Russia, anche rispetto ai territori occupati dalle potenze della Quadruplice
  3. I territori situati ad ovest della linea convenuta tra le parti contraenti, che appartennero alla Russia, non sottostaranno più alla sovranità dello Stato russo. La linea convenuta risulta dalla carta annessa a questo trattato di pace, come parte essenziale del primo allegato. Una speciale Commissione tedesco-russa stabilirà esattamente la linea. Nessun obbligo di fronte alla Russia deriverà ai territori in parola dal fatto di aver precedentemente appartenuto alla Russia. La Russia rinuncia a qualsiasi  ingerenza nelle condizioni interne di questi territori. La Germania e l’Austria-Ungheria si propongono di stabilire la sorte futura di questi territori, d’accordo con la loro popolazione.
  4. La Germania è pronta, appena conclusa la pace generale ed effettuata completamente smobilitazione russa, a sgomberare il territorio ad est della linea designata dall’art. 3, capoverso primo, in quanto l’allegato 4 non stabilisca altrimenti. La Russia farà tutto quanto è nelle sue forze per assicurare lo sgombero al più presto delle provincie dell’Anatolia orientale e la loro regolare restituzione alla Turchia. Ederhamkare e xxxx (non leggibile n.d.r.) saranno pure sgomberate senza indugio dalle truppe russe.
  5. La Russia effettuerà immediatamente la completa smobilitazione del suo esercito, compresi i reparti recentemente costituiti dal Governo attuale. Inoltre la Russia condurrà le sue navi da guerra nei porti russi e ve le lascerà fino alla conclusione della pace generale, e le disarmerà immediatamente. Le navi da guerra degli Stati che si troveranno in stato di guerra con le Potenze della Quadruplice, in quanto siano nel raggio azione della Russia, saranno trattate come navi da guerra russe. La zona vietata del Mare Glaciale rimarrà tale sino alla conclusione della pace generale. Nel Mar Baltico e nel Mar Nero, sino dove giunge il raggio d’azione della Russia, si inizierà immediatamente lo spaiamento delle mine. La navigazione commerciale in tale zona di mare sarà libera e sarà ripresa immediatamente. Saranno nominate Commissioni miste per stabilire le disposizioni precise e specialmente per notificare le rotte senza pericolo per le navi mercantili.
  6. La Russia si obbliga a concludere immediatamente la pace con la Repubblica del popolo ucraino ed a riconoscere il trattato di pace tra questo Stato e le potenze della Quadruplice. Il territorio ucraino sarà sgomberato senza indugio dalle truppe russe e dalle “guardie rosse” russe. La Russia cessa ogni agitazione o propaganda contro il governo e le istituzioni pubbliche della Repubblica del popolo ucraino. L’Estonia e la Livonia saranno pure sgomberate senza indugio dalle truppe russe e dalla “guardia rossa” russa. Il confine orientale dell’Estonia corre in generale lungo il fiume Narva; il confine orientale della Livonia corre in generale oltre il lago Pelpus e il lago di Pskow, sino al suo angolo sud occidentale, quindi oltre il lago Lubhan, nella direzione di Liavonhos sulla Dvina. L’Estonia e la Livonia saranno occupate da una forza di polizia tedesca finché la sicurezza mi sia garantita dalle istituzioni del paese E sia stato stabilito l’ordinamento costituzionale. La Russia libererà immediatamente tutti gli abitanti arrestati e deportati dall’Estonia e dalla Livonia E garantirà il sicuro ritorno di tutti gli estoni ed i livoni profughi. Anche la Finlandia e le isole Aland saranno quanto prima sgomberate dalle truppe russe e dalla “guardia rossa” russa ed i porti finlandesi dalla flotta russa e dalle forze combattenti marittime russe. Finché il ghiaccio impedisca di condurre le navi da guerra nei porti russi, sulle navi da guerra rimarranno solo deboli comandi. La Russia cessa ogni agitazione e propaganda contro il governo e le istituzioni pubbliche della Finlandia. Le fortificazioni stabilite nelle isole Aland dovranno essere quanto prima eliminate. Circa l’esclusione permanente delle fortificazioni di tali isole e circa il loro trattamento militare al tecnico della navigazione sarà conclusa una convenzione speciale fra la Germania e la Russia, Finlandia e la Svezia. Si conviene che in seguito, a desideri della Germania possono essere chiamati a partecipare a tale convenzione anche gli altri Stati adiacenti.
  7. Partendo dal fatto che la Persia e l’Afghanistan sono stati liberi ed indipendenti, le parti contraenti si obbligano a rispettarne l’indipendenza politica ed economica e l’integrità territoriale.
  8. I prigionieri di guerra saranno reciprocamente rimpatriati. La sistemazione dei problemi dipendenti avverrà in base ai trattati speciali previsti dall’articolo 12.
  9. Le parti contraenti rinunciano reciprocamente al risarcimento delle loro spese di guerra e cioè delle spese degli stati per la condotta della guerra, come pure al risarcimento dei danni di guerra, cioè di quelli danni recati ai loro sudditi nei territori di guerra in seguito alle requisizioni militari, comprese tutte le requisizioni praticate in terra nemica.
  10. Le relazioni diplomatiche tra le parti contraenti saranno riprese immediatamente dopo la ratifica del trattato di pace, con riserva di concludere speciali accordi circa l’ammissione dei consoli reciproci.
  11. Le relazioni economiche tra le potenze della quadruplice e la Russia sono stabilite negli allegati 2,3, 4 e 5 e cioè: 2.o per le relazioni tedesco-russe; nel 3.o per le relazioni austro-ungariche-russe; nel 4.0 per le relazioni bulgaro-russe; nel 5.o per le relazioni turco-russe.
  12. La sistemazione delle relazioni di diritto pubblico e privato, lo scambio di prigionieri di guerra e degli internati civili, la questione dell’amnistia e il problema del trattamento delle navi mercantili cadute in potere del nemico saranno regolate mediante trattati speciali con la Russia E formeranno parte essenziale di questo trattato di pace e per quanto sarà possibile entreranno in vigore con esso.
  13. Nella interpretazione di questo trattato da norma il testo russo tedesco per relazioni fra Germania e Russia; il testo austro-ungherese e russo per le relazioni fra l’Austria-Ungheria e la Russia; il testo bulgaro e russo per le relazioni tra Bulgaria e Russia; il testo turco e russo per le relazioni fra la Turchia e la Russia.
  14. Il presente trattato di pace sarà ratificato e le ratifiche dovranno essere scambiate quanto prima a Berlino. Il governo russo si impegna su desiderio di una delle Potenze della Quadruplice ad iniziare lo scambio delle ratifiche tra due settimane. Il trattato di pace entro in vigore, ove i suoi articoli, allegato trattati speciali non stabiliscono altrimenti, all’atto della ratifica.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com