Bollettino del 28 luglio 1917

I quotidiani combattimenti di artiglieria furono ieri alquanto vivaci fra la Zugna e la Vallarsa, nell’Alta Val Dogna, sul Rombon e sul Dosso Faiti. Le fanterie si limitarono ad azioni di pattuglie. Due potenti mine, fatte brillare dal nemico sotto una nostra trincea sul Mrzli (Monte Nero) non produssero alcun danno.

L’attività aerea fu sensibile su tutta la fronte. La sera de 27 un nostro dirigibile bombardò efficacemente la linea ferroviaria tra Santa Lucia di Tolmino e Bazza di Modrea e alcuni nostri velivoli danneggiarono gli impianti militari di Opcina.

Stamane una grosa squadriglia protetta da apparecchi da caccia, rovesciò quasi tre tonnellate di bombe ad alto esplosivo sulla centrale elettrica di Idria, e sui baraccamenti della Val di Chiapovano.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com