Bollettino del 27 novembre 1917

 Nel pomeriggio di ieri il nemico, dopo aver battuta con furioso bombardamento la nostra posizione di Col della Berretta, ad est della Val Brenta, rilancio contro, con attacco in massa le fanterie di un’intera divisione.
La lotta si svolse accanitissima, e difensori, isolati da un violentissimo fuoco di interdizione, avrebbero forse dovuto finire col soccombere al numero e dalla violenza degli attaccanti, se i loro rincalzi, fieri siciliani della vecchia e gloriosa brigata “Aosta” (5° e 6° regg. Fanteria), reparti del 94º fanteria (brigata “Messina”) e del battaglione alpini “Val Brenta” non fossero accorsi tempestivamente. Attraversata di slancio la zona mortale, le nostre brave truppe piombarono con impeto irresistibile sull’avversario e, travolto lo obbligarono a ritirarsi con gravissime perdite e lasciando prigionieri.
Albania – Nella notte sul 26 il nemico forza il passaggio dell’Osum fra Cipan e Kobkara (sud-est di Berat) attaccando le nostre bande albanesi ivi dislocate. Truppe regolari, prontamente intervenute, ricacciare l’avversario infliggendo di forti perdite .
Firmato: DIAZ
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com