Bollettino del 1 gennaio 1918

A Zenson (Piave) in seguito la nostra energica pressione, cominciata il giorno 27 e proseguita senza interruzione, la notte scorsa l’avversario per effetto di abile azione combinata di fuoco e di riparati, dopo aver subito gravissime perdite, fu obbligato ad abbandonare la testa di ponte e ripassare sulla sinistra del fiume. Tutta l’ansa e in nostro possesso.

Lungo il rimanente del fronte, l’azione delle opposte artiglierie si mantenne in genere moderata. Le nostre spiegarono maggiore attività sull’altipiano di Asiago e quelle nemiche nei settori Monte Tomba-Piave.

Nella notte aviatori nemici attaccarono il campo di aviazione di Istrana e rinnovarono l’aggressione sui centri abitati e indifesi. Vicenza, Bassano, Castelfranco e Treviso vennero colpiti: debbonsi in complesso deplorare 13 morti e 44 feriti, in gran parte appartenenti alla popolazione civile. I danni sono lievi.

Le nostre squadriglie bombardarono campi di aviazione nemici. Due velivoli avversari vennero abbattuti nella giornata per opera di aviatori francesi ed inglesi.

Firmato: DIAZ

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com