Bollettino 10 settembre 1915

Continuano lungo tutto il fronte piccoli ma importanti scontri dovuti all’ attività offensiva dei nostri reparti in ricognizione o agli attacchi di sorpresa che il nemico tenta, specialmente di notte, contro le nostre posizioni più avanzate.
Lo slancio e l’energia nell’ offensiva, l’attiva vigilanza e la tenace resistenza delle nostre truppe nella difensiva decidono ovunque tali scontri in nostro favore.
Così accadde per i combattimenti segnalati sul Nagler Spitz (3248 m.) nell’ Alta Valtellina, a Malga Val Piana in Valle Calamento (Val Sugana) al Passo della Sentinella in Valle di Sexten, dove vennero espugnati appostamenti nemici e distrutto un ricovero blindato, al Passo di Monte Croce Carnico, nell’ Alto But. Infine a nord-est di Stua di Ramaz nell’ Alto Chiarzo.
Di maggiore entità ed importanza fu l’ azione che l’ avversario tentò il mattino del 9 contro la nostra occupazione di Kastrein Spitz, a nord di Monte Cregnedul in Valle Seebah (Gailitz).
Dopo intensa preparazione col fuoco di artiglieria reparti nemici appoggiati da numerose mitragliatrici attaccarono risolutamente le nostre posizioni, ma furono respinti.
Sul Carso l’ abile avanzata dei nostri determina piccole ritirate del nemico che abbandona armi e munizioni ed altri materiali da guerra.
Anche ieri sulle falde del Monte San Michele vennero presi qualche centinaio di fucili austriaci, materiali telefonici e di equipaggiamento.
Velivoli nemici tentarono ancora qua e là improvvise incursioni.
Nella giornata del 9 furono bombardate le località di San Giorgio e Bagni di Sella nella Valle del torrente Maggio (Brenta) e Grado sulla laguna omonima.
Nessun danno.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

'Bollettino 10 settembre 1915' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com