Tenace resistenza sul Piave, nemico respinto sul M. Grappa

Reparti della 44a Schützen hanno raggiunto a sorpresa l’argine destro del Piave, ma la pronta reazione della brigata Catania ha ricacciato il nemico sulle posizioni di partenza; la 28a divisione imperiale ha poi attaccato le Grave di Papadopoli (una piccola isola nell’alveo del Piave) dopo un violento tiro di artiglieria, costringendo i reparti italiani a riparare sulla destra del fiume dopo aver distrutto il ponte. La 10a divisione austro-ungarica ha poi tentato di attraversare il fiume presso San Donà, ma è stata prontamente respinta dal 139° fanteria (brigata Bari), con la cattura di 110 austriaci e 2 mitragliatrici.

Intanto il nemico ha preso ad investire il massiccio del Grappa, incontrando però una tenace resistenza da parte dei nostri reparti. Il 3° Schützen ha assalito M. Roncone, ma è stato respinto dal battaglione V. Tagliamento, mentre su M. Tomatico il battaglione V. Cismon ha ricacciato con un furioso assalto alla baionetta gli austriaci che avevano inizialmente conquistato la vetta.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com