Tedeschi in ritirata dal Chemin-des-Dames

Il comunicato ufficiale francese del 3 novembre riferisce che a seguito degli importanti risultati ottenuti negli ultimi scontri, in particolare la vittoria a Malmaison, hanno costretto i tedeschi a riorganizzare le proprie prime linee.
Infatti, trovatisi ora minacciati sulla loro ala destra costantemente bombardata a sud dell’Ailette, si sono visti costretti ad abbandonare lo Chemin-des-Dames, occupato da oltre 6 mesi, pre un fronte di quasi 20 km, dalla fattoria di Froidmont sino ad est di Craonne.
I villaggi di Courtecon, Cherny-en-Laonnois, Ailles e Chevreux sono ora in mano francese.
Durante la notte è continuata l’avanzata francese tra Corbeny ed il canale dell’Oise raggiungendo la riva meridionale dell’Aillette. Il nemico ritirandosi ha distrutto i ponti per ostacolare l’avanzata della fanteria francese.
La lotta delle artiglierie è tutt’ora molto viva nel settore di Chavignon. Tra il materiale catturato dall’inizio dell’offensiva partita il 23 ottobre, si contano oltre 200 cannoni pesanti e da campagna, 222 cannoni da trincea e 720 mitragliatrici.
Sulla riva destra della Mosa, sul fronte del bosco di La Chaume ed a nord di Saint-Mihiel tentativi tedeschi di contrattacco non hanno avuto successo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com