Persa la cima dell’Ortigara, battaglia conclusa. Il bilancio della sconfitta.

L’Ortigara, la cui cima è stata conquistata nei giorni scorsi dai nostri reparti, è stato investito da un potentissimo fuoco da parte dell’artiglieria austriaca; una volta che il tiro si è allungato nel vallone dell’Agnelizza per bloccare i movimenti delle truppe italiane, i reparti d’assalto nemici hanno aperto varchi nei reticolati italiani con i tubi di gelatina ed hanno assaltato le trincee con i lanciafiamme, in cui i pochi superstiti tra i nostri, disorientati dalla violenza del bombardamento subito, non sono stati i grado di reagire.
La cima dell’Ortigara, conquistata a così caro prezzo, è stata quindi perduta con un attacco durato quaranta minuti. I comandi italiani di settore hanno ordinato la riconquista delle posizioni perdute, ma tutti gli assalti sono stati respinti dall’avversario con spaventose perdite tra i nostri. Di conseguenza le azioni sono state sospese e la battaglia può quindi considerarsi conclusa.

La battaglia dell’Ortigara porta i seguenti bilanci.

Per gli italiani: 169 ufficiali morti, 716 feriti e 98 dispersi; nella truppa 2.696 morti, 16.018 feriti e 5.502 dispersi. In totale 25.199 caduti.
Le perdite per gli austriaci sono: 251 ufficiali e 8.577 militari di truppa tra morti, feriti e dispersi. In totale 8.828 uomini posti fuori combattimento.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com