Le nostre retroguardie rallentano l’avanzata nemica

Mentre la 3a Armata continua la marcia di avvicinamento al Piave, le nostre retroguardie rendono difficile l’avanzata nemica battendosi accanitamente. Le divisioni 36a e 63a rallentano l’avanzata della divisione Edelweiss e degli Jäger, mentre la brigata Siena e gli alpini del battaglione Bicocca si battono ostinatamente contro la 55a divisione austriaca; l’Alpenkorps e la 13a Schutzen sono ancora fermi sulla sinistra del Tagliamento in attesa di poter passare sulla sponda opposta. Dato che gli italiani abbandonando il Tagliamento hanno fatto altare quasi tutti i ponti, i pochi rimasti sono divenuti dei colli di bottiglia, per cui il passaggio del fiume sta richiedendo agli austro-tedeschi molto più tempo del previsto.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com