Lenin

Le forze russe si riorganizzano per resistere ai tedeschi

Fonti massimaliste riferiscono che nonostante il radiotelegramma inviato ai Governi tedesco ed austriaco nei giorni scorsi, confermante l’accettazione delle condizioni tedesche, le truppe nemiche non si sono fermate. La loro offensiva continua verso Pietrogrado, come vi avevamo precedentemente riportato, e sono arrivati ad occupare Pskoff.
Viva indignazione per questo atto provocatorio regna tra la popolazione di Pietrogrado, che si sta mobilitando grazie al contributo di innumerevoli volontari che si riuniscono innanzi agli arsenali in attesa di armi e munizioni. In tutti i centri urbani nei dintorni di pietrogrado si stanno formando distaccamenti rivoluzionari per opporre al nemico una “resistenza suprema”. Dall’Istituto Smolny giunge la decisione di organizzare dei reparti di combattimento, dei quali 16 già formati sono stati inviati insieme ad un rappresentante del Consiglio esecutivo in direzione di Pskoff.
A Mosca 70.000 uomini delle truppe rivoluzionarie sono mobilitati in direzione di Bologoje.
Si attende ancora una risposta al telegramma di accettazione russo da parte dei tedeschi.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com