Lenin

Le dimissioni di Verderewsky ed i tentativi di armistizio russi

Si ha da Pietrogrado la notizia che, l’ex ministro della marina, ammiraglio Verderewsky, ha rassegnato le dimissioni. A sostituirlo temporaneamente è stato nominato l’aggiunto capitano Koulkel, ma già nella serata due membri del Comitato rivoluzionario militare l’hanno invitato a dimettersi. Rifiutatosi di dimettersi è stato quindi arrestato. A sostituire Koulkel è stat messo il capitano di vascello Ivano, ex comandante della squadra incrociatori del Baltico.

Si fanno più concrete le ipotesi di armistizio separato tra Germania e Russia. In questi giorni sembra che alcuni parlamentari russi siano stati inviati da Krylenko presso il Quartier Generale russo. Di 15 armate però solamente 3 hanno riconosciuto il potere dei rivoluzionari e sembra che non abbiamo intenzione a sottomettersi agli ordini di Krylenko.

La situazione resta tesa anche sul Don dove, l’accerchiamento di Koslow da parte delle truppe cosacche di Kaledin è stato portato a termine. Il generale dispone di 19 reggimenti di cavalleria e 10.000 uomini di fanteria che al momento stanno fronteggiando le forze massimaliste presenti nella regione. Nel sud della Russia stanno compiendosi numerosi arresti di partigiani massimalisti.

Trotsky starebbe facendo piazza pulita delle opposizioni all’interno dell’apparato del ministero degli Esteri: 80 funzionari sarebbero stati licenziati. Non tutta l’assemblea generale di Pietrogrado è però concorde con l’operato dei massimalisti ed è stato indetto uno sciopero generale oltre a rifiutare di riconoscere il potere di Lenin che, nel frattempo, avrebbe emanato un decreto con il quale dichiara la nazionalizzazione delle abitazioni che passeranno di proprietà ai locatari.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com