L’avanzata in Mesopotamia

Il comunicato inglese per le operazioni in Mesopotamia riferisce:
Le nostre truppe hanno inseguito con instancabile energia il resto delle forze turche sconfitte a Khan Bagluladica e verso la metà della giornata del 28 si trovavano a 133 km a nord ovest da xxxx (non leggibile n.d.r.). Un rapporto completo circa il nostro bottino non è ancora giunto, ma sembra che esso sia importantissimo, senza parlare delle numerose informazioni di grande valore ottenute.
I grandi depositi di xxxx (non leggibile n.d.r.) contenenti grandi quantità di fucili e di munizioni di piccolo calibro, lanciabombe, granate a mano, petrolio ed equipaggiamenti di ogni sorta, nonché numerose piccole cannoniere, sono cadute nelle nostre mani. Il numero dei prigionieri ascende a 5000.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com