Riga settembre 17

La flotta tedesca entra nel golfo di Riga

Continua incessante l’offensiva tedesca sul front nord orientale. Ormai da mesi la situazione politica all’interno dell’ex impero zarista è quanto mai incerta, questo per gli alti comandi tedeschi può essere come uno sprono ad intensificare qui gli sforzi per tentare il colpo del k.o. contro uno degli avversari.
Da Riga, raggiungere Pietrogrado probabilmente non sembra poi un’impresa irraggiungibile ed è per questo che all’esercito si sta aggiungendo anche la flotta ad accompagnare le operazioni lungo la costa baltica.

Un comunicato ufficiale dell’esercito russo dello scorso 6 settembre riferisce che: “la flotta tedesca è apparsa nel golfo di Riga. Secondo le ultime informazioni la rottura del fronte di Riga in due giorni fu di 60 km. Durante la giornata del 4 corrente i tedeschi hanno continuato energicamente l’offensiva sul fronte stesso, attaccando particolarmente la regione a nord di Uxkull per tagliare la ferrovia Riga-Wenden”.

La situazione resta dunque critica e desta molte preoccupazioni anche tra gli osservatori  inglesi. La caduta di Riga ha destato scalpore sulla stampa inglese, il Times la definisce come “grave significazione per la causa alleata”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com