Il generale Badoglio

Pietro Badoglio è nato a Grazzano Monferrato (Asti) il 28 settembre del 1871. Nel 1888 è entrato nell’Accademia Reale di Torino uscendone come sottotenente di artiglieria nel 1890, per poi divenire tenente nel 1892 entrando in forza presso il 19° reggimento di artiglieria da campagna; nel 1896 è stato in eritrea rimanendovi fino al 1898 entrando alla scuola di guerra e nel 1903 ha ottenuto il grado di capitano venendo trasferito presso il 12° reggimento di artiglieria da campagna. Ha partecipato alla Guerra di Libia nel 1911-12 ottenendo una decorazione e conseguendo il grado di maggiore per merito sul campo; nel febbraio del 1915 è divenuto tenente colonnello ed è stato assegnato allo stato maggiore della 2a Armata all’inizio del conflitto nel settore del Sabotino. Qui ha avuto il merito di concepire una tipologia di attacco differente dai sanguinosi e sterili attacchi frontali fino ad allora susseguitisi, scavando trincee parallele di avvicinamento alle linee austriache, riuscendo ad arrivare a breve distanza da esse per poi superare nell’assalto la terra di nessuno con perdite minime; grazie a tale tattica, durante la battaglia dell’Isonzo dell’agosto 1916 ha preso il Sabotino permettendo la presa di Gorizia. E’ quindi stato promosso prima colonnello e successivamente maggior generale per merito e nella battaglia svoltasi sull’Isonzo tra il maggio ed il giugno del 1917 ha conquistato il Kuk ed il Vodice venendo promosso tenente generale e vedendosi assegnare dal generale Capello, comandante della 2a Armata, il comando del XXVII corpo d’armata; Badoglio era quindi al comando del settore che è stato investito dall’attacco austro-tedesco a Caporetto.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com