Douglas Haig

Dal Belgio

Comunicato inglese del 17 febbraio sera:
Stamane i tedeschi hanno effettuato un’incursione contro un nostro posto ad ovest di La Bassée; tre nostri uomini mancano.
Il nemico tentò un altro raid nelle vicinanze di Poelchapelle ma fu respinto con successo e lasciò nelle nostre mani prigionieri e numerosi morti nei nostri reticolati.
Durante la giornata artiglieria tedesca ha dimostrato maggiore attività dell’ordinario nei settori di Saint-Quentin, di Lens e di Armentières, nonché a nord-est di Ypres.

Comunicato pomeridiano:
Un distaccamento nemico che effettuava una ricognizione è stato respinto la scorsa notte da un nostro posto in vicinanza di Gavrelle. Alcuni prigionieri sono stati fatti dalle truppe portoghesi in vicinanza di Neuve Chapelle. Scaramucce di pattuglie hanno avuto luogo al principio della scorsa notte nel settore di Messines, durante le quali il nemico ha subito forti perdite. Il nemico ha spiegato una certa attività a sud della strada Arras-Cambrai a nord di Lens e in vicinanza di xxxxx (non leggibile n.d.r.).
Favoriti dal bel tempo e dalla chiara visibilità i nostri aeroplani durante tutta la giornata effettuarono ricognizioni per regolare il tiro dell’artiglieria e presero fotografie delle linee e delle retrovie nemiche nonché degli aerodromi tedeschi. Inoltre durante la giornata bombardarono stazioni ferroviarie, accantonamenti e truppe, aiutati dal fuoco dell’artiglieria. Essi lanciarono bombe contro un cannone tedesco di grosso calibro e lanciarono altre 5 tonnellate e mezzo di bombe su vari obbiettivi.

Vivi combattimento aerei furono impegnati dalle due parti e ripetuti attacchi vennero effettuati dal nemico contro i nostri apparecchi da bombardamento, da fotografia e da osservazione. Durante i combattimenti aerei 14 velivoli nemici vennero abbattuti e 7 altri costretti ad atterrare con danni. I nostri cannoni speciali riuscirono a fare atterrare due altri aeroplani fra cui un grande apparecchio da bombardamento con equipaggio di 4 uomini che cadde nelle nostre linee. L’equipaggio fu fatto prigioniero. Un altro velivolo nemico fu messo fuori combattimento nel corso della giornata. Ieri inoltre un’altra macchina nemica, costretta a discendere priva di controllo atterrò presso uno dei nostri aerodromi e il suo equipaggio fu fatto prigioniero; 5 nostri velivoli mancano.
Durante la notte dal 16 al 17 nostri apparecchi lanciarono 100 bombe sugli aerodromi del nemico nelle regioni di Gand, di Tournai e di Laon. Le stazioni e i depositi di Conflans, a 15 miglia ad ovest di Metz, furono bombardati con successo da bassa quota. Si osservarono esplosioni nei depositi di materiali. Tutti i nostri apparecchi sono ritornati.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com