Bollettino del 9 dicembre 1917

Allo Stelvio al Brenta attività combattiva generalmente limitata. In Val Lagarina nostre pattuglie catturarono alcuni soldati nemici. Sull’altopiano di Asiago nostre batterie colpirono ripetutamente con nutrite raffiche forse avversarie in movimento.
Fra Brenta Piave il tiro di artiglieria, mantenutosi assai violento nel pomeriggio, ridiventa normale nelle prime ore della notte. Una pattuglia francese, uscita in ricognizione, riportò nelle linee 10 prigionieri.
Nella pianura del Piave a Valle di San Donà, l’attività di fuoco fosse notevole dalle tue parti: numerose pattuglie nemiche vennero respinte fucilate.
Nostri “Caproni” bombardarono efficacemente le retrovie nemiche sull’altipiano di Asiago, mitragliando poscia alle truppe che si allontanavano dalla zona bersagliata.
Nella notte scorsa le aeronavi hanno ripetuto ardite incursioni, rovesciando su accampamenti nemici presso Quero, Motta di Livenza e Portogruaro oltre 4 tonnellate di bombe. Due velivoli nemici risultano abbattuti, ed un pallone frenato, incendiato, precipitò nei pressi di Grisolera.

Firmato: DIAZ

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com