Bollettino del 8 luglio 1917

Nell’alta Valtellina, il nemico nella notte sul 7, tentò di impadronirsi di un nostro posto avanzato in Val Furva. Il pronto contrattacco di rincalzi e il tiro delle nostre batterie, l’obbligarono a desistere dall’impresa.

Sulla rimanente fronte le azioni di artiglieria furono qua e là più vivaci, particolarmente sul Codice, dove ad un improvviso concentramento di fuoco nemico opponemmo violenta ed efficace reazione.

Una nostra poderosa squadriglia da bombardamento, scortata da apparecchi da caccia, si recò nel pomeriggio di ieri, sull’Idria, e, ad onta dell’intento fuoco antiaereo nemico, lanciò due tonnellate e mezzo di proiettili sugli impianti militari per l’estrazione del mercurio, producendovi distruzioni e incendi. Compiuta la difficile e ardita missione i nostri aviatori rientrarono tutti incolumi ai loro campi.

Sul Carso in seguito a combattimenti aerei due velivoli nemici precipitarono nelle nostre linee ed un terzo cadde entro le linee avversarie.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com