Bollettino del 5 settembre 1917

Nella giornata di ieri la lotta ha avuto stuka fronte Giulia una violenta ripresa. Sull’altopiano di Bainsizza conseguimmo vantaggi conquistando un’importante posizione a sud-ovest di Okroglo. A nord-est di Gorizia ferve la battaglia.
Nella giornata furono fatti prigionieri 36 ufficiali e 1602 uomini di truppa appartenenti a 10 diversi reggimenti.

Sul Carso, dopo violentissimo bombardamento, il nemico lanciò le proprie masse di fanteria contro le nostre posizioni a nord tra Castagnevizza al mare. Nel tratto tra Castagnevizza e Morite l’attacco, dopo alterna vicenda venne respinto; al centro tra Morite e Solo, le nostre truppe resistendo valorosamente a sette furiosi assalti, mantennero le proprie posizioni; a sud, tra il Vallone di Brestovizza e il mare il nemico potete conseguire qualche successo inizialefra la quota 146 a nord-est di Flondar e la galleria ferroviaria na nord-est di Lokavac, ove noi dovemmo temporaneamente ripiegare da alcune posizioni avanzate. Nel pomeriggio, in seguito ad energico contrattacco, la nostra linea venne ristabilita con la cattura di 402 nemici, fra cui 14 ufficiali.

261 nostri velivoli hanno partecipato ai combattimenti bersagliando le truppe e le retrovie nemiche.

Nella notte sl 5 la nostra flottiglia aerea ha rinnovato il bombardamento di Pola con efficaci risultati e ritornò incolume alla base.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com