Bollettino del 5 maggio 1918

Maggior frequenza ed intensità di tiri di molestia nemici in Val Lagarina, in Val d’Astico e nel settore di Fossalta. La nostra artiglieria disperse nuclei di portatori in regione Stelvio, batterie efficacemente la stazione di Rovereto, colpì treni alla stazione di Conegliano, provocò una violenta esplosione sulla sinistra del Piave di fronte a Nervesa. Reciproche azioni di pattuglie fra Brenta e Piave.

La nostra attività aerea fu intensa: squadriglie di Caproni e velivoli britannici, scortati da numerosi apparecchi da caccia lanciarono con ottimi risultati circa 9 tonnellate di bombe sugli impianti idroelettrici di Cavedine (nord di Mori).
Durante questa spedizione altri aeroplani rinnovarono il bombardamento del campo di aviazione avversario di Campo Maggiore.
La scorsa notte dirigibili nostri arrivati di sorpresa sulle stazioni ferroviarie di Primolano e di Bolzano le colpivano efficacemente coi loro carichi di bombe.
Nella stessa notte un dirigibile della R. Marina bombardava colonne in marcia oltre il Tagliamento.
Risultano abbattuti otto velivoli avversari, di cui due precipitati in fiamme nelle nostre linee.

Firmato: DIAZ

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com