Bollettino del 31 marzo 1918

Lungo tutta la fronte le opposte artiglierie hanno svolto saltuarie azioni di molestia. Baracche menti nemici vennero colpiti in Val Rio Freddo (Posina).
Nostre pattuglie molto attive su parecchi tratti inflissero perdite all’avversario e riportarono prigionieri. In regione di Monte Tomba nuclei nemici vennero respinti a colpi di granate a mano.
Gli aviatori britannici hanno battuto sei velivoli nel cielo di Mansué (nord-est di Oderzo), ne hanno fatto precipitare un settimo e costretti a atterrare altri due sulle Melette.
Un apparecchio avversario è stato battuto da un nostro pilota su Campo Molon e l’artiglieria antiaerea mi ha colpito un altro, precipitato nella valle dell’Orina.

Firmato: DIAZ

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com