Bollettino del 30 maggio 1917

L’attività delle artiglierie nella giornata di ieri fu scarsa lungo la fronte del Trentino e in Carnia, assai viva sulla fronte Giulia e assunse carattere di particolare violenza nel settore dal Monte Cucco al Vodice e ad oriente di Gorizia.

Anche ieri il nemico ripetette i suoi ostinati tentativi d’irruzione contro i nostri trinceramenti della Quota 652 del codice; tre successivi attacchi preparati da intenso fuoco d’artiglieria, fallirono completamente. Prendemmo una trentina di prigionieri.

Sul Carso procede attivamente l’afforzamento delle nostre linee, un tentativo d’assalto nemico ad oriente di Boscomalo fu sventato dal fuoco delle nostre batterie. Fra Jamiano e il mare, con parziali azioni offensive, ampliammo la nostra occupazione ad ovest di Medeazza.

Nel pomeriggio del 28, dopo accanito combattimento aereo, i nostri aviatori abbatterono un velivolo nemico, ad est di Monte San Marco.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com