Bollettino del 30 aprile 1917

In Valle Camonica la notte sul 29 un riparto nemico irrompeva di sorpresa in un nostro posto avanzato al Passo del Tonale. Accorsi i rincalzi, sotto violento fuoco di interdizione dell’avversario, il posto fu completamente e subito rioccupato.

Nella giornata di ieriazioni saltuarie delle artiglierie, più accentuate in Valle di Travignolo (Avisio), alla testata del Rio Costeana (Boite) e nella zona di Gorizia.

L’attività di nuclei in ricognizione, intensa lungo tutta la fronte, diede luogo a vivaci scontri ad oriente di Tierno (Valle Lagarina), sulle pendici nord-ovest di Monte Majo, (Valle Posina), ad occidente di Samone (Torrente Maso-Brenta), nella valletta di Rio del Lago (Seebah Hailitz), sul Rombon (Alto Isonzo), e specialmente poi sulle alture ad oriente di Gorizia e sul Carso. Infliggemmo all’avversario sensibili perdite e gli prendemmo una ventina di prigionieri, fra i quali un ufficiale.

Nella serata velivoli nemici lanciarono bumbe su piccole località del Basso Isonzo: lievi danni. Di rimando, due nostri idrovolanti, levatisi subito a volo, bombardarono le stazioni di velivoli nemici presso Trieste, ritornando poi incolumi.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com