Bollettino del 26 maggio 1917

Perdura violenta la lotta sul Carso ove le nostre valorose truppe sfondarono ieri una nuova poderosa linea di difese nemiche prendendo circa 3500 prigionieri e molto materiale da guerra.

Dopo intensa preparazione delle artiglierie, prolungatasi fino alle ore 16, le fanterie del 7° Corpo d’Armata, con travolgente avanzata superarono la fitta rete di trinceramenti nemici, estendenti dalla foce del Timavo all’est di Jamiano, e s’impadronirono delle alture tra Flondar e Medeazza. Più a nord, dopo alterna vicenda di mischia accanita, furono spazzate le ultime resistenze nemiche dell’intricato groviglio ad oriente di Boscomalo, conquistata l’altura di Quota 220, a sud-est del paese ed espugnati i trinceramenti intorno a Castagnevizza. Nel settore settentrionale del Carso nella zona ad oriente di Gorizia, azioni prevalenti delle artiglierie. Allargammo la nostra occupazione sull’altura di Quota 174 a nord di Tivoli.

Aspra e sanguinosa fu la lotta nella zona del Vodice, ove l’avversario s’accanisce con ogni sforzo per ritoglierci l’importante altura di Quota 652, sempre in nostro saldo possesso.

Anche ieri, dopo violenta preparazione di fuoco, dense masse nemiche attaccarono più volte e con ostinazione le nostre linee. Per la ferrea volontà dei valorosi difensori la posizione fu integralmente mantenuta e il nemico, ributtato ogni volta con perdite ingenti, lasciò nelle nostre mani oltre 300 prigionieri.

Nella zona di Plava compimmo nuovi progressi sulle pendici dell’altura di Quota 363, verso la valletta di Rogat (Rolcot). Il complesso dei prigionieri da noi presi al nemico sulla fronte Giulia dal giorno 14 a ieri è stato fino ad ora accertato in 22.419, dei quali 487 ufficiali.

Sulle retrovie nemiche volarono ieri in gran numero i nostri arditi aviatori, bombardarono impianti ferroviari, depositi e batterie e mitragliando truppe nemiche in marcia, ritornarono incolumi. In combattimento aereo venne abbattuto un velivolo nemico.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com