Bollettino del 23 giugno 1917

riparti nemici in ricognizione vennero respinti al passo del Tonale. Vivaci concentramenti di fuoco, eseguiti ieri dal nemico sulle nostre nuove posizioni di Monte Ortigara, nell’Altopiano di Asiago, furono efficacemente controbattuti dalle nostre artiglierie. Il bottino fatto su questa posizione nella giornata del 9 è ingente, finora sono stati portati indietro  4 cannoni,  14 mitragliatrici, 1000 fucili circa, abbondantissime munizioni e grande quantità di materiale da guerra e da mina.

Sulla fronte Giulia le nostre batterie colpirono pi volte convogli ferroviari alla stazione di Santa Lucia di Tolmino, e quelle avversarie si accanirono ancora a devastare con inutili bombardamenti i fabbricati di Gorizia. Sul Carso le nostre vigili batterie repressero ripetutamente segni di attività nel campo avversario, consentendo proficue azioni alle nostre pattuglie.

Un velivolo nemico venne obbligato ad atterrare dai nostri aviatori il giorno 9 presso Aisovizza, e un altro fu abbattuto ieri sera sul rovescio di Monte San Marco.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com