Bollettino del 23 dicembre 1917

Nella giornata di ieri, su tutta la fronte montana la notevole e reciproca attività di riparti esploranti determinò piccoli scontri d’importanza locale. A nord di Pedescala il presidio di un piccolo posto avversario venne sorpreso e distrutto da una nostra pattuglia.
Sulla sinistra dell’Assa, ad ovest di Canove di Sotto, un nostro riparto, dopo breve ed efficace preparazione d’artiglieria, superate con magnifico slancio le difese accessorie e la resistenza nemica, irruppe in un forte posto avanzato avversario dal quale riportò 22 prigionieri e molte armi e materiali. In Conca Laghi (Posina) al monte di Val Bella (sud-est di Asiago) in Val Frenzela e sulle pendici meridionali del Sasso Rosso, Grosse pattuglie nemiche che tentavano avvicinarsi alle nostre posizioni, vennero respinte con perdite. Ad ovest di Osteria “Il Lepre” una nostra pattuglia catturò armi e prigionieri.
Al Monte Solarolo e alla testata di Val Calcino tentativi di irruzione del nemico vennero repressi con violente raffiche di fuoco.
Nella pianura del Piave si ebbero soltanto azioni di artiglieria di modesta intensità.

Firmato: DIAZ

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com