Bollettino del 22 novembre 1917

Nella giornata di ieri l’avversario sferrò parecchi attacchi tra Brenta e Piave. Venne sanguinosamente respinto alla baionetta allo sbarramento di S. Marino dove lasciò nelle nostre mani prigionieri e mitragliatrici, e al Monte Pertica dove inutilmente attaccò per ben tre volte. Fu nettamente arrestato dal fuoco d’artiglieria al Monfenera; raggiunse alcuni elementi staccati dalla nostra linea avanzata sul Monte Fontana Secca.
Nelle prime ore della notte scorsa, sull’altipiano di Asiago, masse nemiche attaccarono violentemente le nostre posizioni di Casera Meletta Davanti; ma le nostre truppe con eroica resistenza e pronto contrattacco le ricacciarono nelle posizioni di partenza.

Firmato: DIAZ

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com