Bollettino del 20 dicembre 1917

Fra Brenta e Piave, dopo lunga preparazione d’artiglieria, l’avversario attaccò nel pomeriggio di ieri sulla fronte Tasso-Col dell’Orso.
Venne completamente ributtato con grafi perdite. Un riparto che tentò più tardi d’assalire la quota 1601, di Monte Solarolo fu prontamente respinto dal nostro fuoco.
Sul rimanente della fronte, in Val di Concei (Giudicarie) l’avversario, con largo impiego d’artiglieria, attaccò un piccolo posto senza riuscire ad occuparlo; sull’Altipiano d’Asiago si ebbero frequenti duelli ed una complessiva maggiore attività di fuoco: a sud di Sasso Rosso (sinistra di Val Frenzela) un attacco ad un nostro posto avanzato venne respinto: furono catturati alcuni prigionieri; sul Piave Vecchio, a sud di Gradenigo, l’attività combattiva locale si mantenne assai intensa; parecchi nuovi tentativi nemici di passaggio sul fiume vennero sventati: a Quattrocase (testa del Ponte di Cavazzuccherina) vivaci episodi di avamposti; a Cortellazzo il nemico attaccò in forze la testa di ponte; i nostri bravi marinai ricacciarono l’avversario catturandogli 35 prigionieri.
Un velivolo nemico venne abbattuto da un nostro aviatore a nord del Grappa.
Un’altro, colpito dal fuoco antiaereo, precipitò nei pressi di Lovadina.

Firmato: DIAZ

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com