Bollettino del 2 dicembre 1917

Dall’Altipiano di Asiago al Basso Piave l’intensità del fuoco di artiglieria, seguita a mantenersi elevata.
Truppe nemiche avvistate in marcia dal monte Cimone alla Valle di Nos, vennero prese sotto il tiro delle nostre batterie e disperse.
Grossi nuclei che dopo violente raffiche di fuoco tentavano avvicinarsi alle nostre posizioni delle Melette, furono prontamente fugati.
In regione di monte Pertica, un nostro riparto raggiunse di sorpresa la quota 1549 tenuta dal nemico, senza però effettuarne l’occupazione, perché esposta a violenti concentramenti fuoco.

Firmato: DIAZ

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com