Bollettino del 19 ottobre 1917

Nella notte sul 18 lungo le fronti Tridentina e Carnica si ebbe un vivace risveglio di attività combattiva locale; l’azione nemica fu specialmente accanita contro la nostra linea tra a valle del Posina e quella del Rio Freddo, dove, dopo ripetuti attacchi in forze e parecchi concentramenti di fuoco riuscì all’avversario di occupare un nostro posto avanzato a nord di Monte Mano e di irrompere in un altro ad est di Cagliari. Lo sloggiammo dal primo e con energico contrattacco lo ricacciammo col fuoco dal secondo.
Furono da noi catturati una quarantina di soldati e tre ufficiali.
A Monte Mesola, (alto Avisio) a nord del paso di Monte Croce di Comelico, fra il Pal Grande e il Piccolo Pal e sul Monte Granuda, grossi nuclei nemici vennero fugati prima che potessero raggiungere le nostre posizioni.
Sulla fronte Giulia, un attacco contro le pendici settentrionali del San Gabriele, effettuato con lancio di bombe a mano da riparti di assalto, si infranse sotto il nostro fuoco.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com