Bollettino del 13 febbraio 1918

In Val Lagarina movimenti di pattuglie nemiche disperse dalle nostre batterie.
Sul Pasubio brillamenti di mine con sensibili danni alle posizioni avversarie.
In Val d’astici e sui margini occidentali dell’Altipiano di Asiago maggiore attività delle opposte artiglierie.
Nella zona di Col Caprile un tentativo di irruzione di fanterie avversarie, preceduto da intensa preparazione di fuoco. Venne immediatamente soffocato dal fermo contegno delle nostre truppe e dall’efficace intervento delle artiglierie; qualche prigioniero restò nelle nostre mani.
Ad est di Conegliano due palloni frenati nemici vennero incendiati da aviatori britannici.

Firmato: DIAZ

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com