Bollettino del 12 marzo 1918

Le nostre artiglierie nella giornata di ieri, furono più attive sulle retrovie nemiche degli altipiani di Tonezza e di Asiago, e batterono con constatata efficacia postazioni di batterie avversario sulla sinistra del Piave.
Il fuoco nemico fu alquanto vivace in Val d’Astico e ad oriente del Brenta.
La consueta attività dei reparti esploranti provocò brevi scambi di fucilate su qualche tratto della fronte.
Cinque velivoli nemici vennero abbattuti, uno da nostro aviatore nel cielo di Monte Erio, tre da aviatori britannici, ad ovest di Monte Lisser, ed uno da batterie antiaeree francesi nei pressi di Pederobba.
Nella notte nostre aeronavi hanno rinnovato il bombardamento di campi di aviazione nemici.

Firmato: DIAZ

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com