Bollettino del 1 giugno 1917

Notevole attività delle artiglierie nel settore settentrionale del Carso e sul tratto di fronte da Gorizia a Plava.

Nella zona del Vodice, la notte sul 31 l’avversario ammassate numerose truppe, lanciò un violento attacco contro le nostre posizioni sulle alture di Quota 592 e 652. L’assalto preparato da intenso fuoco d’artiglieria e condotto con ostinazione ed impeto, fallì completamente per la salda resistenza delle nostre truppe e gli aggiustati tiri delle nostre batterie, che dispersero le dense masse di rincalzo. Il nemico subì perdite gravissime e lasciò nelle nostre mani 83 prigionieri, dei quali 3 ufficiali.

Piccoli scontri a noi favorevoli tra nostri riparti avanzati e pattuglie nemiche in ricognizione si ebbero alla testata del torrente Donna e nella Valle Posina.

Nella passata notte velivoli nemici compirono un’incursione su Udine e Cervignano, gettando bombe incendiarie. Il fuoco delle nostre batterie contraeree li costrinse a desistere dall’impresa. Sono segnalati lievissimi danni materiali ed un ferito nella popolazione civile.

Subito dopo, nostri aviatori levatisi a volo, bombardarono con successo impianti militari di Barcola, a nord di Trieste, ritornando incolumi ai propri campi.

Firmato: CADORNA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com