Bolletino del 26 novembre 1917

Ieri masse avversarie, sostenute da formidabile fuoco d’artiglieria, rientarono l’attacco delle nostre posizioni fra brenta e Piave.
Alla nostra sinistra lo sforzo nemico, diretto sulla zona di Monte Pertica, venne prontamente infranto e ad ogni nuovo tentativo corrispose preciso e micidiale il nostro contrattacco. A Tasson il battaglione alpini “Monte Rosa” decimò gli assalitori.

Al centro, dove la pressione avversaria fu più poderosa, rifulse l’invitto valore della 56ª Divisione: le colonne avversarie, che a nord-ovest e da nord puntavano con ostinato accanimento su Monte Cassonet, Colle dell’Orso, Monte Solarolo e Monte Spinoncia, vennero falciate dal fuoco, ripetutamente affrontate con furiosi contrattacchi e definitivamente ributtante. Più di 200 prigionieri restarono in mano dei nostri.

Alla destra l’attacco nemico si manifestò dalle pendici orientali del Monte Monfenera. Le ondate d’assalto, arrestato dapprima con fuoco d’artiglieria, vennero poscia, più volte contrattaccate e respinte dai nostri bravi alpini. Furono fatte alcune decine di prigionieri.

Firmato: DIAZ

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

www.notiziedalfornte.it: La prima guerra mandiale dopo 100 anni powered by P2Easy.com